“Il papà sembra un transessuale”: è polemica per la pubblicità del latte
25 Novembre 2016
Zaza regala un grosso sorriso alla Juventus
25 Novembre 2016

Studente vende merendine nei corridoi della scuola

Uno studente 17enne dell’Istituto tecnico Pininfarina Moncalieri (Torino) vendeva merendine e snack all’interno della scuola.

Il ragazzo, che già lo scorso anno era già stato sospeso dieci giorni, ci ha riprovato anche quest’anno.

Il ragazzo stava attento ai gusti della clientela e applicava prezzi migliori dei supermercati e del bar all’interno dell’istituto, per ricavarne il massimo profitto.

Il preside della scuola dice: "Oltre che insegnare la legalità, la scuola deve stare attenta alla sicurezza dei suoi studenti, vendere prodotti alimentari presuppone che si conoscano le regole non solo sul commercio ma anche sull’igiene pubblica che il ragazzo non può avere e un dirigente scolastico questo non può ignorarlo. Inoltre – aggiunge – Due anni fa abbiamo messo a gara il servizio e il prezzo degli alimenti è rimasto bloccato a quello di sei anni fa e con quattro euro si mangia un pasto, una buona tariffa se paragonata al costo di un pranzo nelle mense scolastiche di Torino".

Il ragazzo si difende dichiarando: “Nel mio istituto ci sono 1.700 allievi, ma non compravano tutti da me”. Infatti nello zaino sequestrato aveva 20 snack, 10 lattine di bibite e 10 tè freddi.

Ovviamente è scattata nuovamente la sospensione, ma la bella notizia è che il collegio docenti, sembra stia valutando come valorizzare la vena imprenditoriale del ragazzo. Anche perché nel frattempo diverse aziende hanno contattato l’istituto, pronte ad assumerlo.

Insomma, l’importante è scoprire il talento dei figli, senza intestardirsi per farli studiare quando a loro piacerebbe fare tutt’altro e capire davvero per che cosa vogliono fare da grandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *