Kylie, la sorellina supersexy di Kim Kardashian: la foto hot su Instagram
21 novembre 2016
Avete una carta poste-pay? Ecco cosa sta accadendo in questi minuti, fate molta attenzione!
21 novembre 2016

Diventano genitori a soli 12 anni

A Bari una coppia di dodicenni diventa genitori.

La notizia è stata divulgata da un quotidiano locale e confermata dall’ospedale dove la ragazzina ha partorito un bimbo di 3 kg.

Per garantire la tutela del bimbo, di questa vicenda si occuperà il Tribunale dei minori anche se le famiglie di provenienza dei due neo genitori, non sono disagiate, ed avrebbero sostenuto i ragazzini nella decisione di tenere il bimbo.

Ovvio che la notizia ha creato molte polemiche, dai rischi di un parto ad un’età così precoce, ai perché due bambini abbiano potuto generare un figlio così presto.

Rosy Paparella, Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Puglia ha commentato: “Non mi sorprendere che sia stato effettuato un cesareo perché partorire a 12 anni comporta rischi notevoli. Queste notizie ci devono fare allargare lo sguardo a quello che sta accadendo attorno a noi. I ragazzini hanno esperienze sessuali sempre più precoci e di conseguenza assistiamo a gravidanze più precoci. Esiste una esposizione al rischio un po’ più diffusa. A noi fa comodo immaginare che queste esperienze tocchino contesti sociali un po’ più deprivati. Ma le carenze di tipo educativo sulla sessualità sono ormai piuttosto diffuse tra le varie fasce sociali. Non è importante puntare sul caso in questione, anche perché sono convinta che ci sono tanti casi simili che finiscono con interruzioni di gravidanza. Particolari situazioni problematiche riguardano rapporti sessuali non protetti, dichiarato da circa il 20 per cento degli studenti intervistati, e le esperienze sessuali di cui lo studente stesso si è pentito il giorno dopo, dichiarate dal 7,9 per cento degli studenti, con prevalenza più elevata nei maschi rispetto alle femmine e, in entrambi i generi, crescenti proporzionalmente con l’età. In qualche maniera questi ragazzi ci stanno chiedendo aiuto. Ma ora mi sembra che nel nostro Paese su questi temi siamo in una fase di arretramento”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *