“Mangio, ma non ingrasso”: 10 segreti di chi resta magro senza dieta
27 Novembre 2016
Infortunio Dani Alves, problema alla caviglia: i dettagli
27 Novembre 2016

Caffè, gli esperti assicurano: “Fa bene se non supera 3 tazzine”

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare affermano che dosi singole di caffeina equivalenti a tre tazzine di espresso al giorno o a cinque di qualità arabica “non destano preoccupazioni in termini di sicurezza per gli adulti in Europa”

Che sia per bisogno o per piacere, per il desiderio di sapersi più svegli o per la semplice voglia del suo aroma inconfondibile, il caffè è la bevanda a cui difficilmente si riesce a resistere e sulla quale aleggiano da sempre miti e leggende che ora assicurano effetti benefici, ora paventano rischi per la salute.

In tal senso, a fare un po’ di chiarezza sulla questione è intervenuta l’Autorità europea per la sicurezza alimentare – Efsa – che ha indetto una consultazione sulla propria bozza di valutazione della caffeina e diffuso le prime conclusioni, secondo cui dosi singole di caffeina fino a 200 mg e dosi quotidiane fino a 400 mg non destano preoccupazioni in termini di sicurezza per gli adulti in Europa. È improbabile, inoltre, che la caffeina interagisca negativamente con altri componenti delle cosiddette “bevande energetiche”, come la taurina, il D- glucuronolattone o l’alcol.

“Nel caso di donne in gravidanza”, aggiunge l’Efsa, “l’assunzione di caffeina fino a 200 mg al giorno non solleva preoccupazioni per la salute del feto”, rispondendo così a studi che avevano paventato un “maggior rischio che il bebè nasca di peso basso o che la gravidanza si prolunghi oltre il termine previsto” con consumi di caffè superiori la dose consigliata dall’Oms – Organizzazione mondiale sanità – che è pari a 300 mg di caffeina al giorno per le puerpere.

Agli sportivi, poi, è chiarito che “dosi singole di caffeina fino a 200 mg non destano preoccupazioni per la sicurezza degli adulti (18-65 anni), anche se consumate meno di due ore prima di un esercizio fisico intenso”, ma in generale chi vuole sonni tranquilli deve sapere che ‘dosi singole di 100 mg possono aumentare il tempo di latenza del sonno (la quantita’ di tempo occorrente per addormentarsi) e ridurne la durata in taluni adulti”.

Per quanto riguarda i bambini (3-10 anni) e gli adolescenti (10-18 anni), vale la pena sapere che “l’assunzione quotidiana di 3 mg per kg di peso corporeo è considerata esente da rischi”.

Quanto al contenuto, c’è da sapere che circa 85 mg per 150 ml (1 tazza) di caffeina è presente nel caffè tostato macinato, 60 mg nel caffè istantaneo, 3 mg nel caffè decaffeinato, 30 mg nella foglia o nella busta di tè, 20 mg nel tè istantaneo e di 4 mg nel cacao o nella cioccolata calda, mentre un bicchiere (200 ml) di una bevanda analcolica che contiene caffeina ha un contenuto medio di caffeina di circa 20-60 mg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *