Meteo, dopo piogge e temporaliarriva il grande freddo -PREVISIONI
25 novembre 2016
Togli il Grasso dalla Pancia con Questa Bevanda Prima di Andare a Letto
26 novembre 2016

NON RICHIAMARE QUESTO NUMERO! ECCO LA NUOVA TRUFFA CHE SVUOTA IL CONTO DEL TUO CELLULARE

Basta rispondere all’sms sbagliato. O richiamare il numero sconosciuto che si ritrova tra le chiamate perse per veder sparire decine di euro dal proprio credito sul cellulare. « Da una settimana alcuni genovesi hanno denunciato improvvisi prosciugamenti del conto sul telefono – sottolinea Calogero Pepe, presidente Federconsumatori Genova e Liguria – Basta rispondere a un messaggino per perdere centinaia di euro. È un vero e proprio boom: questi messaggi sono camuffati da comunicazioni delle società telefoniche o, addirittura, da iniziative di Federconsumatori e, chiaramente, fanno più vittime tra gli anziani».

E se a chi possiede una carta ricaricabile viene prosciugato interamente il credito, qualunque esso sia, peggio va ai titolari di un contratto: «A questi ultimi possono sparire anche centinaia di euro, che pagheranno poi in bolletta» avverte Pepe.

Il messaggio incriminato arriva da un numero preciso: 0141 455414. «Non possiamo escludere – avverte Federconsumatori – che possano esistere altre utenze con lo stesso fine, ma fino a questo momento il numero che ha truffato decine di genovesi è questo». Tutto parte da un sms che invita a richiamare l’utenza. «Una volta effettuata la chiamata comincia la truffa». A quel numero non risponde nessuno. Chi cade nella trappola ed è possessore di una carta ricaricabile vedrà il proprio credito esaurirsi all’istante. Ai possessori di contratto, però, va peggio.

«Abbiamo fatto alcune prove – spiegano da Federconsumatori – Chi ha un contratto e richiama il numero, perde 50 euro alla risposta poi altri 2 euro e 50 ogni secondo che passa in linea». Un salasso. «Ovviamente il malcapitato scopre il costo della telefonata solo all’arrivo della bolletta».

Sul boom di truffe via cellulare sta indagando la guardia di Finanza.

FONTE: IL SECOLO XIX

 

Comments are closed.