Aglio, la migliore arma per sedurre una donna
23 Novembre 2016
Vaccini obbligatori per l’iscrizione ai nidi: in Emilia-Romagna è legge
23 Novembre 2016

Maltempo, nubifragi e piogge incessanti: la protezione civile lancia l’allerta meteo

Continua l’allerta meteo nell’Italia settentrionale, dove le forti piogge stanno già creando i primi disagi . Quattro le regioni che secondo i metereologi sono più esposte al rischio di alluvioni: Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta e Lombardia. Il sito 3bMeteo scrive che entro giovedì sera  potrebbero cadere fino a 300mm di pioggia “più probabili sulle province dell’alto Piemonte, tra Biella, Verbano-Cusio-Ossola e parte del Torinese”. Sotto osservazione i corsi d’acqua, non solo per le abbondanti precipitazioni previste, ma anche perché la “neve caduta nei giorni scorsi a quote inferiori tenderà a fondersi”.

Il sito Meteo.it stima invece che entro venerdì “in alcune zone fra Piemonte, nordovest della Lombardia, Valle d’Aosta e Liguria saranno possibili accumuli compresi tra i 200 e i 500 litri al metro quadrato”.

ALLERTA DELLA PROTEZIONE CIVILE – Sulla base di queste previsioni, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un bollettino d’allerta per la giornata di domani. L’avviso prevede dal mattino di domani, mercoledì 23 novembre, venti sud-orientali da forti a burrasca sulla Sardegna e possibili mareggiate lungo le coste esposte.

Dal mattino si prevede, inoltre, il persistere di precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, Liguria e Lombardia. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani allerta arancione sui bacini centrali e bacini padani di ponente ligure, su alcuni settori piemontesi e sulle prealpi lombarde. Sono in allerta gialla le restanti parti del Piemonte e della Liguria, ad eccezione dei bacini marittimi di levante, buona parte della Lombardia, alcuni settori della Valle d’Aosta, la Calabria ionica e la Sicilia nord-orientale.

Fonte: today.it

Comments are closed.