Le stazioni abbandonate della METRO di PARIGI sono diventate Piscine, Teatri e Ristoranti
10 maggio 2016
alba parietti topless
Alba Parietti e la confessione HOT “sono stata schiava del sesso”
11 maggio 2016

Pjanic verso la Juventus: dopo Emerson e Vucinic, un altro romanista in bianconero

Il suo acquisto, che potrebbe concretizzarsi sulla base di 38 milioni di euro (clausola rescissoria) rappresenterebbe una preoccupante tendenza per il campionato italiano. Proprio come in Germania, la forbice che divide la squadra più forte dalle altre diventerebbe sempre più grande…

Miralem Pjanic alla Juventus. Non è fantacalcio, ma un’indiscrezione molto vicina alla realtà. Il centrocampista bosniaco della Roma interessa parecchio alla Vecchia Signora, che avrebbe deciso di puntare su di lui per rinforzare la propria linea mediana.

Quella clausola da 38 milioni di euro

Allegri si è espresso a favore dell’acquisto, e così ha fatto qualche tempo fa anche Marotta. Tutti gli indizi portano a pensare che possa essere lui il primo colpo della Juventus 2016-2017. Per arrivare al bosniaco non serviranno grosse trattative sul prezzo. Nel contratto che regola l’impegno del giocatore con la Roma vi è una clausola rescissoria di 38 milioni di euro. Alla Juventus (o a chiunque vorrà provare a prendere Pjanic) basterà avvisare la Roma circa le proprie intenzioni e poi trattare direttamente con il giocatore.

Pjanic l’uomo giusto: centrocampista multiuso

Il centrocampista bosniaco è definitivamente esploso in questa stagione, alzando il suo livello di rendimento fino a portarlo a essere considerato anche dal Barcellona quale erede di Iniesta. In tutto, fin qui, 10 gol e 11 assist in campionato, totale che sale a 12-12 se aggiungiamo Champions League e Coppa Italia. Centrocampista elegantissimo tecnicamente, dotato di un’ottima visione di gioco e di una straordinaria capacità di calcio. Proprio questo ultimo fondamentale sembra aver convinto la dirigenza della Juventus a investire su di lui. Poco meno di 40 milioni di euro per un centrocampista di valore internazionale, che ha da poco compiuto 26 anni, e quindi ancora relativamente giovane, rappresenta in effetti un prezzo quasi di favore. Tatticamente, poi, la sua collocazione in campo pare essere semplicissima: Pjanic infatti è in grado di ricoprire tutti i ruoli della mediana (interno, ma anche regista), e all’esigenza può essere schierato anche sulla trequarti.

Un altro giallorosso in bianconero dopo Emerson e Vucinic

Non sono stati tanti nel corso della storia i giocatori passati direttamente dalla Roma alla Juventus, ma – almeno negli ultimi anni – la tratta dalla Capitale a Torino si è rivelata quasi sempre fortunata per la Vecchia Signora. Nell’estate del 2004, in bianconero arrivano Emerson e Zebina. Il primo comporrà una delle linee mediane più forti della storia della Serie A (Camoranesi, Emerson, Vieira, Nedved), mentre il secondo resterà tra alti e bassi fedele alla causa della Vecchia Signora per sette lunghe stagioni, vivendo tra l’altro anche il campionato di Serie B. Più recentemente alla Juventus sono arrivati Marco Borriello (6 mesi con gol decisivo a Cesena nel primo scudetto di Conte) e Mirko Vucinic. Soprattutto il montenegrino ha lasciato grandi ricordi in bianconero: 3 anni, 3 scudetti e quasi 100 presenze con la Vecchia Signora. La Juventus spera adesso di continuare anche con Pjanic questa tradizione positiva.

La nostra opinione: un acquisto super, che evidenzia una tendenza preoccupante

  • Analisi di campo: ok, l’acquisto è giusto. Anzi, giustissimo. Difficile trovare al mondo, non solo in Serie A, un centrocampista forte come Pjanic. E’ un affare che conviene a tutti. Alla Roma, che con la partenza del bosniaco eviterebbe di perdere Nainggolan, l’elemento che a Trigoria vorrebbero trattenere più di tutti; alla Juventus, che rinforzerebbe un reparto in difficoltà dopo le partenze di Pirlo e Vidal, l’infortunio di Marchisio e la fragilità fisica di Khedira; e lo stesso Pjanic, che in bianconero potrebbe fare l’ultimo salto di qualità che potrebbe fargli cambiare lo status, da ottimo giocatore a campione mondiale.
  • Analisi più globale: Götze, Lewandowski, e ora Hummels. Il Bayern Monaco da qualche anno ha scelto questa strada: scegli il miglior giocatore della sua principale avversaria (Borussia Dortmund) e lo ingloba nella propria squadra. Questo produce ad alimentare ulteriormente la differenza tra la miglior formazione tedesca e tutte le altre. Una situazione molto simile a quello che potrebbe succedere in Italia, dove la Juventus vince da 5 anni e dove – con l’acquisto di Pjanic – rischia di aumentare ulteriormente il gap con le principali rivali (?) per lo scudetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *