LA SCOPERTA DEI RICERCATORI CHE SPAVENTA: ”ECCO LE CITTA’ ITALIANE CHE FINIRANNO SOTT’ACQUA”
14 novembre 2016
Juve-Bentancur: che schiaffo dal Boca!
15 novembre 2016

“Il prossimo inverno freddo e neve record”, ecco le previsioni

L’inverno sta arrivando, ma già l’autunno sembra aver dato un assaggio di quella che sarà la stagione fredda 2016-2017. I prossimi mesi potrebbero riservarci abbondanti nevicate, anche a quote basse o medio basse, in particolare al centro-nord e fino alla Campania e Nord Puglia. È quanto emerge dall’analisi degli esperti del sito ‘ilMeteo.it’, che precisano: “Si tratta di proiezioni di massima, mirate a individuare le linee guida stagionali, non di una previsione stricto sensu”.

  Un accumulo enorme di freddo nei bassi strati, sulle aree continentali euro-asiatiche, potrebbe costituire quello squilibrio termico essenziale, tra le aree polari e quelle continentali subpolari, tale da dare vita a molto probabili circolazioni anticiclonichealle alte latitudini.  Secondo quanto si legge sul portale, inoltre, un forcing nord pacifico favorevole ad un rallentamento delle correnti zonali andrebbe a completare un quadro molto predisponente, come poche volte in questi ultimi anni, per una prospettiva invernale molto movimentata per l’Europa e per il Mediterraneo. Un tipo di circolazione, quella di questo autunno, che rievoca i lontani Anni ’70, quando gli inverni facevano ‘sul serio’.  Le condizioni per maggiore perturbabilità si realizzerebbero proprio sull’Italia e sul bacino centrale del Mediterraneo dove, spiegano gli esperti, “agirebbero con maggiore favore i minimi depressionari al suolo. Circolazione barica favorevole a un tempo molto instabile sull’Italia e molto piovoso”. Sarebbe frequente anche l’ingresso di aria fredda artica dalla porta del Rodano e da quella della Bora, “con diverse occasioni per nevicate a quote basse o medio basse, in particolare al centro-nord e fino alla Campania e Nord Puglia”. Il resto del Sud potrebbe risentire di qualche respiro più tiepido meridionale, ma anche qui “fasi più fredde e nevose in Appennino non dovrebbero mancare”.

Comments are closed.