Maledizione Champions per l’Atletico: terza sconfitta in tre finali
29 maggio 2016
Tragedia in NBA: muore in una sparatoria il 23enne dei New Orleans Pelicans Bryce Dejean-Jones
29 maggio 2016

Vuoi farti un tatuaggio che quando non ti piace più lo togli? Ecco la sensazionale novità

Il mondo dei tatuaggi è sempre più in espansione da 10 anni a questa parte. Se in passato veniva considerato come un “marchio” da persona poco raccomandabile, oggi è visto come un abbellimento per il proprio corpo. Dunque i tatuaggi affascinano tutti, ma in tanti poi si trovano davanti al dubbio: e se mi pento o mi stufo? E se dovesse venire male? Rimuovere un tatuaggio è molto doloroso, costoso e spesso i risultati sono deludenti (cicatrici o residui d’inchiostro sulla pelle). Almeno fino a oggi: sta arrivando la rivoluzione che cambierà per sempre il mondo dei tatuaggi.

(Continua a leggere dopo la foto)

La soluzione viene da un gruppo di studenti di chimica e ingegneria bio-molecolare, vincitori di un premio di 75.000 dollari per sviluppare un prodotto battezzato da loro “Ephemeral”. Si tratta di un nuovo tipo d’inchiostro per tatuaggi, che permette di essere cancellato con un’apposita soluzione da loro inventata. Gli ideatori spiegano come funziona il loro nuovo inchiostro: “L’inchiostro dei tatuaggi è permanente perché le molecole di inchiostro sono troppo grandi perché il sistema immunitario dell’organismo riesce ad espellerle. Noi usiamo molecole più piccole, racchiuse in una struttura sferica che è abbastanza grande perché il corpo non lo porti via. Ma e se la rompi, le molecole d’inchiostro vengono spazzate via”.

(Continua a leggere dopo la foto)

Per eliminare l’inchiostro, dunque, basta ripassare il tatuaggio con il “cancellante”, che va appunto a rompere le aggregazioni di molecole d’inchiostro, facendo sparire il tatuaggio in qualche giorno. Purtroppo la soluzione per cancellare i tatuaggi funziona solo con questo speciale inchiostro inventato dai ragazzi, ma sono fiduciosi che la loro invenzione si diffonderà molto presto, infatti hanno già creato una società per produrre e commercializzare il prodotto.

fonte caffeinamagazine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *