Pazzesco, “è finito l’olio di oliva” Un incubo sulle nostre tavole Comprarlo senza farsi fregare
31 ottobre 2016
Ci siamo detti “basta” mille volte BELLISSIMA DA LEGGERE
31 ottobre 2016

Triangolo delle Bermuda, la scoperta: navi e aerei scompaiono a causa delle nubi esagonali

Arriva una nuova teoria sul Triangolo delle Bermuda. Questa volta, a cercare di dare una spiegazione agli strani fenomeni che coinvolgono la misteriosa parte di Oceano intorno alle isole omonime, sono un gruppo di scienziati convinti di aver risolto il caso. La ragione per la quale scompaiono navi e aerei in transito nei pressi del Triangolo, spiega il Daily Star che dà conto dei risultati dello studio, sarebbe da ricercare in nubi dalla forma esagonale presenti anche in un tratto del Mare del Nord nei pressi dell’Inghilterra.

“Non è semplice vedere nubi disposte in ordine”, ha spiegato a Science Channel il meteorologo satellitare Steve Miller della Colorado State University. “La maggior parte del tempo le nuvole sono infatti distribuite a caso”. Usando un radar satellitare per misurare cosa accade al di sotto di queste particolari nuvole, gli scienziati avrebbero scoperto che la velocità del vento sul mare arriverebbe a toccare oltre i 273km/h. Una forza abbastanza potente da generare onde alte oltre 13 metri, delle vere e proprie “bombe d’aria” lanciate contro l’oceano.

Gli scienziati avrebbero anche notato la presenza delle massicce nubi ad ovest delle Isole, tra le 20 e le 50 miglia di distanza. “Questo tipo di nubi esagonali sopra l’oceano sono essenzialmente bombe d’aria – ha spiegato ancora il meteorologo Randy Cerveny -. Le nuvole formano microesplosioni,che sarebbero in grado quindi di diffondersi all’esterno spingendosi una velocità tale da essere più che sufficiente da capovolgere navi e aerei e spingerli verso il basso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *