apparizioni della Vergine Maria a Fatima
13 maggio ricordo delle apparizioni della Vergine Maria a Fatima
13 maggio 2016
Sbarca nelle nostre coste l’insetto più velenoso al mondo
13 maggio 2016

Gli uomini preferiscono le curve: le donne in carne sono anti-stress

«Amore mio ti voglio bene come sei, sei eccitante al punto che ti sposerei, novanta chili di libidine e bontà e poi vedrai, un po’ di moto ti aiuterà». Intonava Fabio Concato qualche anno fa rivolto alla sua Rosalina. «Hai fatto caso, che le magre sono tristi invece tu hai sempre voglia di cantare…». Sante parole. Parole che hanno anticipato in qualche modo lo studio dell’University of Westminster (Londra) sul complesso mondo delle attrazioni tra uomo e donna, dove lei un po’ formosetta si prende finalmente una rivincita sulle taglie da modella.

Secondo i ricercatori inglesi le femmine con le curve al loro posto, che ricordano molto i fisici abbondanti dei quadri di Botero, attraggono fortemente i maschi sottoposti a eccessivi picchi di stress. Più salgono i livelli di ansia e di superlavoro, più cresce il desiderio per la donna in carne. La ricerca appena pubblicata sulla rivista PlosOne ha confrontato le scelte e i giudizi di due gruppi di uomini davanti alle immagini di ragazze troppo magre oppure all’opposto che avevano qualche chilo di troppo rispetto ai rigorosi e più diffusi standard di bellezza. Ebbene il gruppo di maschi più stressati ha preferito queste ultime rispetto ai coetanei più sereni. «Questi risultati», avvertono i ricercatori, «sono coerenti con l’idea che le persone, in particolari momenti della vita come un periodo molto stressante, tendono a idealizzare alcuni caratteri morfologici del corpo meno vincolanti al peso o alla magrezza, preferendo la più rassicurante formosità». Ecco perché alcuni uomini passano da fidanzate filiformi impegnate tra diete e palestra, massaggi e cure estetiche a donne completamente all’opposto che mangiano con gusto e sono sempre sorridenti. E più sexy.

Due delle ragioni che hanno spinto Martina Liverani a pubblicare in questi giorni il libro 10 ottimi motivi per non cominciare una dieta. Dopo anni passati a combattere i chili di troppo, lucchettando il frigo e iniziando tragiche diete il lunedì per poi trasgredire il giovedì, ha fatto pace con il cibo e con la sua figura morbida. Possono tirare un sospiro di sollievo tutte le donne amanti della buona cucina: il mondo è pieno di uomini stressati. Non vedo un gran futuro per le maniache della taglia 38. Primo perché si avviano pericolosamente sulla strada dell’anoressia e secondo perché c’è un altro studio molto interessante a favore delle curve. Pubblicato dalla autorevole rivista scientifica britannica Evolution and Human Behaviourrivela spiega: le donne-clessidra non sono soltanto più sexy ma anche dotate di maggiore cervello rispetto alle donne-grissino. Ricercatori della University of Pittsburgh and California hanno esaminato un campione di sedicimila donne di diversa età, collezionando informazioni sulle loro misure fisiche e quindi sottoponendole a una serie di test cognitivi. Ebbene, quelle con vita stretta e fianchi larghi hanno mediamente ottenuto i risultati migliori nei test. Lo stesso è stato riscontrato sottoponendo ai test i figli delle donne esaminate: quelli con la mamma-clessidra hanno ottenuto risultati migliori di quelli con la mamma-grissino. L’ipotesi dei ricercatori è che il grasso attorno a fianchi più pieni e cosce contiene livelli più alti di Omega 3, un acido che è essenziale per lo sviluppo del cervello durante la gravidanza. Il grasso attorno alla vita, viceversa, può avere livelli più alti di Omega 6, un acido meno adatto allo sviluppo del cervello. Le donne più magre o con una minore differenza tra vita e fianchi mancherebbero dunque di questo elemento. La donna-clessidra (con le curve al posto giusto) ritenuta fin dall’antichità più fertile, più forte e dunque in grado di fare figli, più sana, con una più lunga aspettativa di vita, ora risulta anche un antistress e pure intelligente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *