Diritti tv Serie A, niente partita in chiaro nel prossimo triennio: le ultime novità
27 gennaio 2017
Il ‘cuore’ della ragazza sfigurata dall’acido spopola su Facebook  
28 gennaio 2017

Google contro pubblicità ingannevole, via 1,7 miliardi di annunci

Sono 1,7 miliardi gli annunci ingannevoli o pericolosi cancellati nel 2016 da Google, sempre più impegnata nel tutelare gli utenti da pubblicità subdole che promuovono prodotti illegali o offerte irrealistiche, e possono indurre con l’inganno a condividere informazioni personali o infettare i dispositivi con software pericolosi. Si va dalle truffe per perdere peso a malware che infettano tablet e pc, fino alla publicizzazione di merce contraffatta, come per esempio imitazioni di orologi di design.

Come proteggere gli utenti

Per proteggere le persone dalla pubblicità fuorviante, inappropriata o dannosa, l’azienda di Mountain View ha esteso il rigoroso sistema di policy che regola le tipologie di annunci che sono consentiti sul suo motore di ricerca, ecludendo per esempio le pubblicità sui payday loans, un tipo di prestiti a breve termine che spesso si trasforma in un debito insolvibile per gli alti tassi d’interesse.

Nei sei mesi dall’attivazione di questa policy sono stati disattivati oltre 5 milioni di questi annunci. Inoltre, ha rafforzato le tecnologie così da poter individuare e rimuovere gli annunci pericolosi ancora più velocemente, come nel caso “trick to click”, quegli annunci che spesso compaiono come avvertimenti del sistema operativo, per indurre gli utenti a cliccarci sopra così da scaricare un software dannoso o un malware. Nel 2016 i sistemi Google hanno individuato e rimosso un totale di 112 milioni di  questi annunci, 6 volte di più rispetto al 2015.

I vari tipi di annunci pericolosi

  • Annunci per prodotti illegali: sono tra quelli più comuni che si trovano online. In particolare per i prodotti farmaceutici, Google ha norme rigorose da molto tempo, ma ha rilevato un aumento di annunci pericolosi in questo settore e nell’ultimo anno ha rimosso oltre 68 milioni di annunci per violazione sulle norme sanitarie, 12,5 milioni in più rispetto al 2015. Parallelamente, lil motore di ricerca ha registrato un aumento dei tentativi di annunci legati alla promozione del gioco d’azzardo senza le adeguate autorizzazioni istituzionali dei paesi a cui erano rivolti. Oltre 17 milioni gli annunci di questo tipo rimossi nel 2016.
  • Annunci fuorvianti: alcuni annunci cercano di ottenere click e visualizzazioni attraverso false informazioni, per esempio con domande del tipo “Sei a rischio di questa rara malattia della pelle?” oppure con l’offerta di cure miracolose come pillole per dimagrire di 20 chili in tre giorni senza muovere un dito. Nel 2016 cancellati circa 80 milioni di annunci che avevano l’intento di allarmare e truffare gli utenti.
  • Annunci pericolosi su dispositivi mobili: capita di usare lo smartphone e d’improvviso, senza spiegazioni, l’app store comincia a scaricare un’app sconosciuta. Probabilmente questo è colpa di un annuncio “self-clicking”. Nel 2016 sono stati disabilitati oltre 23.000 annunci “self-clicking” sulle piattaforme Google, un aumento molto significativo rispetto all’anno precedente.
  • Annunci che cercano di aggirare il sistema: gli annunci su alcuni prodotti – come le cure miracolose o i payday loans – non sono permessi dalle policy di Google. Gli inserzionisti malintenzionati cercano di aggirare i sistemi per farli apparire. L’anno scorso sono stati cancellati quasi 7 milioni di annunci che cercavano intenzionalmente di aggirare i nostri sistemi di rilevamento.

Altre forme di pubblicità ingannevole

Nel 2016 l’azienda di Mountain View ha registrato l’aumento del tabloid cloaking, un nuovo tipo di annuncio ingannevole che cerca di aggirare il sistema spacciandosi per una notizia. Quando però le persone cliccano per leggerla, vengono indirizzate a un sito che vende prodotti per la perdita di peso e non a un articolo. Per contrastare il fenomeno, Google blocca gli stessi inserzionisti e impedisce loro di pubblicare altri annunci sulle piattaforme. Nel 2016  sono stati sospesi oltre 1.300 account per attività di questo tipo.

Promozione e profitti da siti ingannevoli

Non solo il blocco del singolo annuncio o l’inserzionista. In caso di attività che violano le policy, a volte viene anche sospesol sito promosso nell’annuncio. Così, nel 2016 sono stati disabilitati oltre 5 milioni di annunci sul payday loan, intervenendo anche su 8.000 siti che li promuovevano.

Rigorose sono inoltre le politiche nei confronti degli editori e proprietari di siti web che usano AdSense per monetizzare sui loro siti e sui loro contenuti grazie alla pubblicità: in caso di violazione, Google può interrompere la distribuzione pubblicitaria sul sito, o perfino chiudere l’account. Da molto tempo è in vigore una serie di policy che proibiscono ai publisher di AdSense di pubblicare annunci su siti che aiutano a ingannare gli altri, come siti che vendono falsi diplomi o esami copiati. A novembre, queste norme sono state estese: da allora, 550 siti sospetti sono stati controllati e si è intervenuti su 340 di questi per violazione delle policy e circa 200 editori sono stati espulsi definitivamente dal network.

Un impegno, quello contro le pubblicità ingannevoli, che non viene portato avanti da soli: Google infatti sostiene gli sforzi sinergici del settore, come la Coalition for Better Ads per proteggere le persone da esperienze pubblicitarie negative sul web.

 

Comments are closed.