Waze e Spotify insieme, per godersi le playlist guidando
15 marzo 2017
Rocco Siffredi, la super vip che gli offrì soldi in cambio di sesso
16 marzo 2017

Che cosa è ‘sfida accettata’ su Facebook e perché stiamo postando le foto sbagliate

In questi giorni vi sarà capitato di ritrovarvi di fronte ad almeno un paio di fotografie su Facebook (e Instagram), introdotte dal messaggio “Sfida accettata”. In estrema sintesi: molti utenti pubblicano immagini vecchie, anche di decenni. È una catena: chi apprezza la foto con un “Mi piace” è sfidato a caricarne una personale e così via. In realtà l’iniziativa è nata diversi mesi fa per sensibilizzare gli utenti dei social network sulla lotta contro il cancro.

Tutto nasce con una sfida al cancro

Il tutto risale all’agosto scorso, come riporta La Stampa. L’iniziativa aveva subito preso piede in India, allargandosi al Regno Unito. Poche, ma semplici regole: pubblicare una foto in bianco e nero, accompagnata dalle parole ‘Challenge Accepted’: sfida accettata. All’autore del post spettava l’invio del messaggio a tutti coloro che avessero dimostrato apprezzamento attraverso un like: «Dato che hai messo “Mi piace alla mia foto”, ora devi postarne una in bianco e nero, scrivendo “Sfida accettata”. Riempiamo Facebook di foto in bianco e nero per mostrare il nostro supporto alla battaglia contro il cancro. È questa la sfida. Quando i tuoi amici metteranno “Mi piace” al tuo post, invia loro questo messaggio ».

Tweet riguardo #sfidaaccettata

Non tutti hanno gradito. In Inghilterra è diventato celebre il messaggio di protesta pubblicato su Facebook da Rebecca Wilkinson, 36enne madre di due bambini a cui, nel 2013, è stato diagnosticato un cancro al seno. La donna ha subìto una doppia mastectomia. “Tutta questa “campagna” va contro quelli che hanno un tumore. Non li aiuta, non hanno bisogno di selfie. Qualcuno ha deciso di iniziare una campagna virale su Facebook che non serve a ottenere un bel niente. Stanno usando il cancro solo per il gusto di far diventare virale qualcosa. Fermatevi”.

Comments are closed.