Il sisma spacca la montagna per 15 km – VIDEO
5 novembre 2016
Fanno sesso contro una finestra, poi la tragedia
5 novembre 2016

Le visite mediche si trasformavano in un vero incubo

Alessandro Manservisi, nato a Venezia ma residente a Mogliano, cardiologo in un centro di medicina sportiva di Conegliano, accusato di violenza sessuale, ha patteggiato due anni di pena. Inoltre ha risarcito con 5mila euro a testa le sue 13 vittime, per un totale di 65mila. Il medico avrebbe abusato di alcune pazienti sottoposte, con una scusa, a fastidiose ispezioni rettali.

Diversi i precedenti: a maggio di quest’anno, ad esempio, un ginecologo di 60 anni che esercita in una struttura privata di Firenze e in una pubblica in provincia, è stato messo agli arresti domiciliari con l’accusa di violenza sessuale aggravata e continuata nei confronti di alcune pazienti, una delle quali minorenne. Il medico sottoponeva da tempo le donne che andavano nel suo studio a ‘visite’ particolari, strusciandosi a loro, palpeggiandole e molestandole in diversi modi. Tutte le donne, senza conoscersi e senza sapere l’una dell’altra hanno sporto denuncia contro il medico.

Lo scorso anno, un assistente ospedaliero, individuato dalla polizia di stato, è stato sottoposto alla misura interdittiva dall’esercizio di operatore tecnico assistenziale: abusava di una paziente trent’anni più anziana di lui. Inoltre, l’uomo è stato indagato e dovrà anche rispondere di violenza sessuale aggravata. La vittima dei presunti abusi da parte dell’uomo, tra l’imbarazzo e la vergogna, ha avuto una crisi di pianto e nell’immediato non è riuscita a denunciare quanto accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *