LA BELLISSIMA E SENSUALE FIGLIA DI TRUMP: ECCO QUAL’ERA IL SUO LAVORO PRIMA DI DIVENTARE IMPRENDITRICE
10 novembre 2016
DOMANI APRE IN ITALIA IL PRIMO SUPERMERCATO IN CUI NON SERVONO I SOLDI PER PAGARE
10 novembre 2016

Conad ritira un gorgonzola: rischio di infezione

Il Gorgonzola dolce DOP di marca Sapori&Dintorni è stato ritirato dal banco frigo dei supermercati Conad di alcune province italiane. Il ritiro riguarda solo specifiche confezioni, e cioè quelle da 200 grammi in scadenza il 19/11/2016 (numero di lotto: 16279048).
Si tratta di un richiamo a scopo preventivo, per una probabile presenza di Listeria monocytogenes.

gongorzola

Il gorgonzola ritirato dai banchi frigo Conad
[Credits: Conad]

Cos’è la Listeria monocytogenes?
Si tratta di un batterio ubiquitario (quindi in grado di vivere in molti ambienti) e presente in numerose specie animali. Ogni prodotto alimentare fresco, di origine animale o vegetale, può esserne contaminato in concentrazioni variabili. Il microrganismo è stato isolato in questi allimenti: latte crudo, formaggi molli, carne fresca e congelata, pollame, prodotti ittici e prodotti ortofrutticoli.

Tollerando gli ambienti salati e le basse temperature, il batterio può moltiplicarsi: durante la produzione degli alimenti è quindi indispensabile una forma di controllo. La sua presenza è causa di listeriori, un’infezione che può avere due forme: diarroica (manifestazione decisamente tipica, che si manifesta in poche ore dall’ingestione) e invasiva o sistemica. Quest’ultima si diffonde per mezzo dei tessuti intestinali e del flusso sanguigno, e sviluppa forme più acute di sepsi, encefaliti e meningiti. La manifestazione dei sintomi può verificarsi anche dopo 90 giorni dall’ingestione dell’alimento contaminato.

I soggetti più a rischio di infezione in forma sistemica sono gli immunodepressi o quelli affetti da malattie croniche. Un elevato rischio c’è anche per le donne in gravidanza, con rischio di aborto, nascita prematura o morte del feto.

Conad si è scusata con i clienti, invitando a restituire le confezioni acquistate al punto di vendita per il rimborso. Queste le province nelle quali è stato diramato l’avviso:

Ancona, Arezzo, Avellino
Belluno, Benevento, Bergamo, Brescia
Caserta, Catanzaro, Como, Cosenza, Cremona, Crotone
Ferrara, Forlì-Cesena, Frosinone
Gorizia
Latina, Lecco, Lodi
Mantova, Milano, Monza e della Brianza
Napoli
Padova, Parma, Pavia, Perugia, Pesaro e Urbino, Piacenza, Pordenone, Potenza
Ravenna, Reggio di Calabria, Reggio nell’Emilia, Rep. San Marino, Rieti, Rimini, Roma, Rovigo Salerno, Sondrio
Terni, Treviso, Trieste
Udine
Varese, Venezia, Vibo Valentia, Viterbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *