Calciomercato, dalla Cina assalto shock a Cristiano Ronaldo
30 dicembre 2016
Le 10 regole per risparmiare su luce e gas
30 dicembre 2016

Steaua Bucarest, addio al passato: scompare il club più titolato della Romania

Lo Steaua Bucarest non esiste più club più titolato di Romania dovrà ripartire dalla quarta serie. Addio alla prima squadra dell’Europa orientale a vincere la Coppa Campioni

Difficile dimenticare il periodo trionfale dello Steaua Bucarest in grado di vincere nella stagione ’85-’86, a Siviglia, la prima coppa campioni della sua storia contro il Barcellona. Impossibile scordare gli artefici del successo gli allenatori Anghel Iordănescu ed Emerich Jene così come la seconda ed ultima finale europea di Coppa campioni (sconfitta per 4-0 con doppiette di Gullit e Van Basten nella stagione ’88-’89) contro il Milan di Arrigo Sacchi. Inverosimile per i tifosi adesso accettare la scomparsa dello Steaua Bucarest. Già la squadra rumena non parteciperà più nel massimo campionato o almeno per le prossime stagioni. 

La notizia arriva dopo che la corte ha deciso in favore del Ministero della Difesa nella causa che vedeva quest’ultimo contrapposto al club del patron Gigi Becali. La società di Becali è stata accusata di essersi appropriata di nomi, colori e stemma del club fondato dal governo nel 1947 (“Associazione Sportiva dell’Esercito“) oltre l’indebito possesso del marchio Steaua sfruttandolo senza il consenso del Ministero dal 2004 in poi. Da qui la causa e la vittoria giudiziaria. Fondata in età comunista e controllata dall’esercito, la Steaua è diventata una squadra indipendente soltanto nel 1998, 9 anni dopo la rivoluzione che ha portato all’allontanamento di Ceaucescu.

A seguito della ristrutturazione dello stato romeno e conseguente ridimensionamento finanziario, la squadra è stata privatizzata ed è stata venduta ad un popolare imprenditore romeno – Viorel Păunescu –, per poi passare al suo vice, Gigi Bacali, nel 2003 a seguito di una crisi finanziaria. Dopo un processo in tribunale, infatti, il Ministero della Difesa, ha vinto la propria battaglia contro la società.

 Il Ministero ha chiesto allo stesso  Becali anche 37 milioni di euro di risarcimento per l’uso improprio del nome “Steaua” negli ultimi 13 anni. La storia dello Steaua Bucarest negli ultimi anni è stata caratterizzata dalle relazioni interpersonali di un gruppo composto da piccolo gruppo di persone, ognuna molto influente seppure per ragioni differenti: Gheorghe Hagi, Victor Pițurcă ed i cugini Giovanni e Gigi Becali. I rapporti tra queste persone sono stati, per usare un eufemismo, piuttosto incerti e turbolenti influenzando pesantemente il calcio rumeno. Il club  più titolato di Romania con 26 campionati, 22 coppe nazionali, 6 supercoppe e soprattutto la Coppa dei Campioni partirà dalla IV serie con in panchina l’ex beniamino Marius Lacatus. Probabilmente il nuove nome sarà FCSB, si partirà dal basso con nuovi stimoli e meno vincoli ma il glorioso passato della stella Steaua (stella in rumeno) di  Bucarest non smetterà di brillare.

Comments are closed.