Calciomercato, tutte le trattative del giorno: club attivissimi, pronti i ‘botti di Capodanno’
31 dicembre 2016
Ecco cosa accade al tuo corpo se respiri mentre tocchi il palato con la lingua…INCREDIBILE!
31 dicembre 2016

Prezzi di benzina e gasolio in aumento nel 2017

Per una volta, una buona notizia: nel 2017 non aumentano le accise sui carburanti. Siete sorpresi vero? Siamo abituati al contrario: puntuale come il brindisi di fine anno, non appena scatta la mezzanotte del 31 dicembre le accise (imposte indirette, cioè a carico del produttore, che però le gira sul consumatore) fanno un piccolo salto in alto. Non per il 2017. Ma c’è anche una cattiva notizia: il costo del pieno rischia di aumentare per un’altra ragione: l’accordo raggiunto tra i Paesi Opec e non Opec (che insieme totalizzano oltre il 50% della produzione di petrolio mondiale) sul taglio della produzione di barili.
Una questione di barili

Nel dettaglio, l’Opec non solo ha decretato un taglio della produzione pari a 1,2 milioni di barili al giorno, ma ha ottenuto il sì anche di 12 produttori esterni per il taglio di altri 558mila barili al giorno. Senza addentrarci nei motivi che portano i Paesi produttori a decidere di aumentare o diminuire ciclicamente la produzione di greggio, una cosa è certa: questo accordo porterà ad un calo dell’offerta e, di conseguenza, ad un aumento del costo della materia prima. Di quanto è molto difficile dirlo, perché dipende da diversi fattori. Ecco quali.

Aumenti sì, ma non esagerati

Una variabile è senza dubbio la speculazione: nei giorni immediatamente successivi all’accordo Opec-non Opec, i prezzi consigliati dalle compagnie petrolifere hanno già fatto segnare i primi rialzi, quando ancora la produzione non era stata modificata. Eni, TotalErg, Ip e Q8 hanno fatto segnare aumenti da 0,5 a 2 centesimi al litro. I veri incrementi, tuttavia, arriveranno verso la fine del 2017, con i prezzi in salita di 3-4 centesimi al litro. Una cifra che non ci porterà ai livelli del 2012, quando un litro di benzina superava molto spesso i 2 euro al litro e il gasolio si fermava poco prima, ma che comunque non fa mai piacere. Anche perché i derivati del petrolio li usiamo anche per scaldare le nostre case, quindi non spenderemo di più solo dal distributore, ma anche in bolletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *