”ECCO CON CHI MI PIACE FARE L’AMORE” BARBARA D’URSO E L’INTIMITA’: LE CONFESSIONI DELLA CONDUTTRICE
5 novembre 2016
SCUOLA: LE NOTE DISCIPLINARI PIU’ ASSURDE DI SEMPRE
5 novembre 2016

METEO, ACCADRA’ DA OGGI: ECCO COSA CI ATTENDE – ECCO LE REGIONI CHE SARANNO PIU’ COLPITE

E’ in arrivo sull’Italia un’ondata di maltempo per una forte perturbazione che nel fine settimana porterà in particolare al Settentrione e sulle centrali tirreniche piogge e temporali anche di forte intensità. “Rischio fenomeni forti e di nubifragi sulla Liguria, su alta Toscana, localmente su Alpi e Prealpi lombarde e sul Friuli Venezia Giulia. Piogge e temporali diffusi tra Toscana, Umbria e Lazio. Buono sul resto del Paese” si legge su Ilmeteo.it. E la situazione sembra destinata a peggiorare nella giornata di domenica, sempre in particolare in Nord Italia “con rovesci e temporali diffusi ovunque, ma attesi forti e con rischio di nubifragi sulla Liguria, centro-nord Lombardia, Alpi e Prealpi centro orientali tutte e sul Friuli Venezia Giulia. Piogge forti e rischio nubifragi anche su alta Toscana. Allerta su queste aree. Di nuovo nubi e piogge diffuse sull’est della Toscana, Lazio, ovest Umbria e localmente nord ovest Sardegna. Tempo ancora in prevalenza asciutto e con maggiori schiarite altrove” scrivono gli esperti de Ilmeteo.it.

E potrebbe arrivare anche la prima neve. “Per gran parte del fine settimana le correnti proverranno dai quadranti sud occidentali, mentre aria fredda subpolare si riverserà più direttamente sul centro-nord Europa e localmente anche verso il Nord della Spagna” scrive il sito meteorologico. I primi fiocchi cadranno sulle Alpi mediamente dai 1500 m. Su alto Piemonte potranno resistere delle sacche più fredde con neve fino a 1300 m, ma anche qui quota in aumento dalla sera. Per domenica, rialzo termico, con neve a quote medio alte sulle Alpi a partire dai 1700/2000 m. La sera, però, con le temperature in calo ci sarà neve fino a 1000 m, su centro-est Alpi e Valle d’Aosta. Possibili accumuli anche consistenti intorno ai 1800/2000 m, sul mezzo metro o oltre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *