La Juventus riporta la Figc in tribunale: vuole 581 milioni per Calciopoli
29 ottobre 2016
ADDIO ”AFFARI TUOI” LA RAI CHIUDE IL PROGRAMMA: DOCCIA GELATA PER FLAVIO INSINNA
30 ottobre 2016

Faceva l’estetista Rosalì Mani Fatate in casa propria, 90mila euro di multa

Roma Operazione della Guardia di finanza. Ricostruito un giro di affari da 300/500 euro al giorno.

Abbelliva e ricostruiva le unghie delle clienti in casa, dove aveva allestito un laboratorio, ma non versava un centesimo al fisco. E, in capo ad una giornata riusciva a guadagnare fino a cinquecento euro. Soldi puliti che entravano per intero nelle sue tasche.

Per una donna di mezza età di Rosalì (mani Fatate) Roma l’attività abusiva è andata a vele spiegate fin quando alla sua porta non ha bussato un’agente in borghese delle Fiamme Gialle. La finanziera, accompagnata da un collega, si è fatta ritoccare le unghie e alla fine del restylng, quando l’estetista le ha chiesto cinquanta euro senza fattura, si è identificata.

A quel punto sono partiti i controlli fiscali e i problemi per la professionista abusiva. La Guardia di Finanza  ha ricostruito un giro d’affari, dal settembre 2013 al luglio 2016, pari a qualcosa come 120mila euro. Anche perché in solo un giorno di lavoro l’estetista riusciva a ricevere fino a dieci clienti. Li accoglieva nel suo studio casereccio, a due passi dalla cucina e avvolta in un camice bianco. Il fatto, poi, che non versasse un centesimo di tasse le consentiva di applicare prezzi stracciati.

Proprio per questo sembra che la soffiata alle Fiamme Gialle (nella primavera scorsa) possa essere arrivata da alcune colleghe estetiste in regola e particolarmente arrabbiate con la signora . I controlli sono iniziati in sordina. Prima le forze dell’ordine hanno predisposto diversi sopralluoghi (in cui hanno notato un certo viavai) poi notato anche diversi clienti “abituali”.

Alla fine, per cogliere la donna in flagranza, è scatta l’operazione ritocca-unghie in borghese. In virtù di guadagni stimati per circa 120mila euro l’estetista abusiva ha dovuto sborsare circa 90mila euro per i mancati tributi all’Erario. Inoltre, la Guardia di Finanza l’ha multata (10mila euro di sanzione) per “esercizio abusivo dell’attività di onicotecnico (il tecnico delle unghie,)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *