JUSTIN TRUDEAU fa joga sulla scrivania
31 marzo 2016
Choc nel mondo del cinema: Michael Douglas sta morendo, lui scrive nei social
31 marzo 2016

Crolla un calvalcavia, “decine di corpi dappertutto” una tragedia devastante

Crollo di un cavalcavia, 17 morti, 70 feriti, di cui 40 sono stati portati nei due ospedali cittadini. Una tragedia avvenuta a Kolkata, la vecchia Calcutta, in India. E il bilancio delle vittime purtroppo è destinato ad aumentare. Infatti continua ad aggravarsi, di ora in ora, la situazione, la polizia finora ha contato 17 morti e oltre cento persone rimaste intrappolate sotto tonnellate di cemento armato ed acciaio di un segmento di 150 metri del ponte in costruzione.

Secondo al testimonianza di un ufficiale di polizia, ma anche secondi diversi testimoni che si trovavano sul posto al momento del crollo, al momento nessuno sa dire con precisione quante persone siano rimaste intrappolate, sembra che 150 persone erano sotto il cavalcavia, a bordo di autobus, automobili e risciò a motore. Un testimone ha raccontato di aver aiutato alcune persone a uscire dalle lamiere di un minibus rimasto schiacciato dal crollo.

Il luogo dell’incidente si trova in un quartiere commerciale dove il traffico è impazzito, e le strade strette, chiuse tra i molti edifici che circondano il punto dell’incidente, hanno reso particolarmente difficili e disordinate le procedure di soccorso. Purtroppo in India, a causa delle scarse infrastrutture, incidenti di questo tipo accadono frequentemente. I lavori del cavalcavia erano iniziati nel 2009 e da allora non è ancora stato completato.

Alle domande dei media, il direttore generale della Forza nazionale di risposta ai disastri, O.P. Singh, ha dichiarato: “Ancora non abbiamo il bilancio delle vittime o il numero dei feriti”. La nostra prima preoccupazione, ha aggiunto, “ora è quella di soccorrere quanti sono ancora vivi sotto le macerie del centinaio di metri di cavalcavia crollato”.

 fonte: caffeinamagazine

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *