Calciomercato Genoa, accordo con la Juventus per Hernanes: ecco il regalo per Juric
29 dicembre 2016
Juventus, Rincon a Torino: vi chiedete chi sia? Ecco un video che ve lo farà capire
29 dicembre 2016

“Adesso tocca a voi”: gli islamici minacciano di morte i 2 poliziotti eroi che hanno ucciso Amri

I due poliziotti eroi che hanno ammazzato la bestia islamica Anis Amri, come prevedibile, hanno ricevuto molte minacce di morte. L’ennesima dimostrazione che i cosiddetti islamici moderati in Italia non esistono, sono un’invenzione pericolosa. L’Italia è piena di potenziali terroristi tagliagola che seguono il Corano alla lettera sono pronti a farci saltare in aria.

“Adesso tocca a voi”. A meno di una settimana dalla morte di Anis Amri, il terrorista di Berlino, ecco arrivare in rete le minacce ai due poliziotti-eroi di Sesto San Giovanni e ai loro colleghi in divisa. Come sottolinea Il Giornale, il questore di Roma Niccolò D’Angelo ha già diffuso una circolare interna per raccomanda la “massima attenzione” per evitare l’eventualità di “azioni ritorsive” nei confronti di appartenenti alle forze dell’ordine.

Sulle bacheche delle pagine create per celebrare i due agenti Cristian Movio e Luca Scatà, i poliziotti che hanno ucciso l’attentatore tunisino, sono comparse minacce di presunti simpatizzanti dell’Isis e del terrorismo islamico. Il confine tra fiancheggiatori anche solo potenziali dei jihadisti e semplici millantatori è labile. Sempre il Giornale ricorda che dopo la morte del tunisino Amri, a Genova un senegalese aveva dato in escandescenze su un autobus a Genova.

Fermato da due poliziotti, si era messo a inveire: “Vi metto una bomba, così sarà un buon Natale. I vostri figli pagheranno tutto. Poliziotti di m, buon Natale anche a voi. Mica solo i tunisini sanno fare quelle cose”. E a Roma il sindacato dei vigili urbani Sulpl ha protestato con il sindaco Virginia Raggi in vista del Capodanno: posizionai in 23 varchi anti-tir per evitare una strage in stile mercatino di Berlino, gli agenti lamentano di essere “senza giubbotti anti-proiettile” e “senza la possibilità di sparare” contro un eventuale attentatore.

fonte

Comments are closed.